Hitler: insicuro io? - Dott. MASSIMO BLANCO & PARTNERS - Studio di Neurosociologia e Criminologia - Milano

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Hitler: insicuro io?

Ricerche > Relazioni sociali e Comportamento

Come nelle foto del presente articolo, nonché nelle numerose riprese cinematografiche della propaganda nazista, Adolf Hitler è spesso immortalato in pose e movimenti in cui tiene nella mano sinistra il berretto militare, o il copricapo dell’occasione, posizionato davanti agli organi genitali sul lato sinistro. Nel linguaggio del corpo, per un uomo, portare una o due mani davanti agli organi genitali, e con esse anche eventuali oggetti, denota un atteggiamento difensivo o di disagio e insicurezza.

Difensivo, magari sì. Del resto, Hitler aveva molti nemici anche in patria e numerosi furono gli attentati contro di lui, ma sembra che il suo gesto fosse così "ordinario" nelle occasioni pubbliche da far supporre qualcosa che ha più a che fare con il disagio e l’insicurezza.
Una teoria, riconduce tale atteggiamento ad un difetto fisico del Fuhrer venuto alla luce negli anni sessanta del secolo scorso. Secondo quanto riportato in diversi documenti storici, subito dopo aver trovato il suo cadavere, al corpo di Hitler vennero fatti alcuni esami autoptici nel corso dei quali fu riscontrata l’assenza del testicolo sinistro (proprio la parte che copre in molte occasioni).

A quasi settant’anni dalla morte dello spietato dittatore, molti fatti riguardanti la vita del Fuhrer restano ancora avvolti dal mistero, ma la circostanza che egli avesse un solo testicolo è stata riportata in tempi recenti anche dal giornale "The Sun" di Londra. Il giornale londinese, grazie a testimonianze documentali molto attendibili, riporta che, durante la Prima guerra mondiale, Hitler fu ferito ai genitali nel corso della battaglia della Somme (Francia) e gli fu asportato il testicolo sinistro. Testimone chiave della vicenda fu un medico dell’esercito tedesco, il dottor Johan Jambor, il quale rivelò la circostanza ad un prete, padre Franciszek Pawlar, che, a sua volta, lo appuntò in uno dei suoi scritti. Secondo altre fonti, Hitler avrebbe sofferto moltissimo per l’attentato alla sua virilità. Inoltre, sono molte le notizie riguardanti filastrocche canticchiate dai soldati inglesi e francesi, che schernivano il Fuhrer in relazione alla sua dubbia mascolinità.
Concludendo, si può affermare, con buone probabilità, che, a dispetto della sua fama di folle e spietato dittatore, carnefice di milioni di persone, Adolf Hitler, nel suo intimo, fosse una persona assai insicura.


Dott. Massimo Blanco


* Riproduzione Riservata *

 
BLANCO & Partners sas - P.I. 03841690963
Torna ai contenuti | Torna al menu