La chat: un mondo alternativo - Dott. MASSIMO BLANCO & PARTNERS - Studio di Neurosociologia e Criminologia - Milano

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

La chat: un mondo alternativo

Ricerche > Dipendenze

Non c’è una spiegazione univoca per capire cosa una persona cerchi in chat. La chat può essere considerata una moderna agenzia di socializzazione che permette a chiunque possegga un PC ed un collegamento in rete di entrare in contatto con altri individui e instaurare relazioni.

Ma chi è il "chatter"? E’ cosa assai ardua tracciare un profilo "tipo" di chi frequenta la chat. Fatto sta che, nella maggior parte dei casi, la comunità virtuale diventa una sorta di "ambiente protetto" dove poter dare sfogo alle proprie emozioni e ai propri sentimenti senza la paura di esser giudicati nel modo di porsi oppure di sentirsi "osservati" nell’agire.
Si inizia a chattare per curiosità o perché un/a nostro/a conoscente ci presenta questo "mondo alternativo", dove la vergogna e l’inibizione non esistono.
La stragrande maggioranza di chi inizia a chattare lo fa per frustrazione, solitudine o perché sta attraversando un momento particolare della propria vita in cui il mondo reale nega importanti aspettative, sovente riguardanti la sfera affettiva (delusioni amorose, mancanze o carenze parentali, assenza di amicizie consolidate, un passato che si ripete, un lutto, una separazione ecc…).
E’ bene precisare che per "solitudine" ci si riferisce ad un concetto molto più ampio del sentimento. Infatti, si può condurre la propria vita circondati da tante persone attente e premurose "reali", in un contesto apparentemente soddisfacente, ma comunque essere "soli" con se stessi a causa di una "inconfessabile" mancanza interiore che non trova risposte adeguate nella realtà quotidiana.
In buona sostanza, la chat diventa un "mondo alternativo" dove socializzare, permettendo di togliere la "maschera" che ogni giorno si indossa per paura del giudizio altrui, oppure per donare al proprio "Io" la speranza di poter trovare ciò che la realtà che sta intorno non offre in modo adeguato: l’affetto, l’amicizia, la complicità e, non per ultimo, l’amore.

Dott. Massimo Blanco

* Riproduzione Riservata *

 
BLANCO & Partners sas - P.I. 03841690963
Torna ai contenuti | Torna al menu